Laboratorio Foto-Serigrafico del Leoncavallo

*

LA TERRA TREMA al Leoncavallo LA NATURA DELLE COSE


Folletto25603 e Leoncavallo s.p.a
22 e 23, 24, 25 Novembre 2012 – MILANO

Vini e vignaioli autentici, agricolture periurbane, cibi e poesia dalla terra

Con rinnovato piacere vi informiamo che la 6a edizione de La Terra Trema si terrà a Milano da venerdì 23 a domenica 25 Novembre 2012 al Leoncavallo s.p.a.





Da 6 anni La Terra Trema porta nel cuore di Milano le mille narrazioni delle agricolture partigiane e ribelli; le molteplici storie di rivolta di chi abita territori assediati da cemento, capannoni, infrastrutture devastanti calate dall’alto e di chi vive territori con specificità paesaggistiche e produttive uniche e straordinarie.La Terra Trema è manifestazione dedicata all’agricoltura di qualità, quella che in Italia quotidianamente lotta per tutelare suolo e socialità, colture e cultura, enogastronomia non elitaria e un’idea differente di sviluppo.
Agricoltori, vignaioli, spazi occupati – autogestiti e indipendenti -  pratiche di r-esistenza nei territori: in questo meraviglioso e pazzo incontro sono racchiuse la forza e la necessità stessa de La Terra Trema.
Nonostante agricoltura e contadini rappresentino una risorsa primaria per la risoluzione di bisogni primari di individui e collettività, entrambi faticano a sopravvivere. Da anni, in Italia e non solo, agricoltura e contadini sono schiacciati da un modello economico di sviluppo che ha come unica priorità il profitto di pochi.
L’agricoltura – quella autentica, non l’agroindustria – sopravvive e non certo grazie alle squilibrate e assurde normative che regolano il settore; tanto meno grazie alle Politiche Agricole Comunitarie Europee e Mondiali.
L’agricoltura – quella autentica, non l’agroindustria – oggi si sostiene solo grazie allo spontaneismo, solo per la volontà e la tenacia di centinaia e centinaia di piccoli agricoltori e per la partecipazione attiva di altrettanti cittadini: insieme hanno dato luogo a una forza multiforme e viva; l’unica ad indicare e percorrere strade nuove utili per un sistema sociale, politico ed economico diverso.
La Lombardia regala ogni giorno al cemento 13 ettari di terreno agricolo fertile, l’Italia ne offre in pasto 30. Terra per mangiare, Terra per  respirare, Terra per lavorare, Terra per ridurre il dissesto idrogeologico, Terra, agricoltura buona per un altro modello di sviluppo.
Dal dopoguerra ad oggi mai è stata fatta una seria riforma agraria; invece sono state costruite ad hoc assurde normative a favore dell’agroindustria e dell’agribussiness.
Che si chiami biologico, integrato, slow, green, naturale… nulla si salverà, nulla cambierà se non ci si smarcherà in modo attivo dal modello economico capitalistico finanziario mondializzato, capace solo di distruggere, sussumere e sfruttare solo in nome del profitto. A fronte di ciò è necessario appoggiare la costituzione di ognuna delle numerose pratiche e progettualità in grado di allontanarsi da questo desolante scenario. È fondamentale costruire nuovi immaginari e nuove pratiche. Non è importante come si chiamano, ma è importante guardare a quello che fanno e come lo fanno.
Al pari dei marchi della grande distribuzione, non ci piacciono marchi come Slow Food e Eataly; li consideriamo veicolo di una visione di agricoltura gravemente elitaria, che si apre solo alle belle forme di un pubblico agiato e poco dialoga con i forzati dell’hard discount. Dietro questi marchi, queste foglie di fico, c’è comunque puntato il fucile feroce del bussiness, dei rapporti di produzione di un’economia di mercato dove gli unici a guadagnarci sono quelli che stanno all’apice della catena libera: gli imprenditori commerciali, i distributori, i loro negozi, le loro catene, la loro struttura organizzata elibera(l). Non certo i produttori, i consumatori. Di co-produttori e co-produzione non c’è traccia!
La Terra Trema era a Genova nel 2001 e in Val Susa dieci anni dopo, Oggi è al fianco delle decine di persone coinvolte nei processi a quegli eventi legati; con i fratell* e con i compagn* a cui è stata negata e limitata la libertà. La Terra Trema è con i migranti che nell’agricoltura trovano lavoro ma soprattutto sfruttamento e vessazioni, a Rosarno come aCastelnuovo Scrivia; La Terra Trema guarda alle comunità attive come quella diPescomaggiore, che nell’autogestione del proprio vissuto sta ricostruendo la propria storia, buttata giù dal terremoto e affossata in maniera criminale da giochi di potere, traffici oscuri, abbandono dello Stato; La Terra Trema non crede alla beatificazione per Expo 2015, eletta a nutrire il pianeta ma che ad oggi vede tonnellate di cemento sommergere ettari di campagna; sussume socialità e vissuti nei quartieri; lavoratori sottopagati dall’indotto, raramente salvaguardati da contratti e diritti; La Terra Trema è antifascista; chiede il libero soggiorno per tutti i migranti che attraversano questa nazione bastarda; è vicina e sostiene ognuna delle esperienze di occupazione/riqualificazione di spazi abbandonati e dismessi, perché nell’incuria e nella desolazione si crogiola il gioco delle speculazioni, siano esse pubbliche o private;
Questa è la natura de La Terra Trema.
Per assecondare e render conto alla natura nostra, dedichiamo La Terra Trema 2012, al viaggio che portò Gino Veronelli a Ventotene; isola, carcere e cimitero in vita e in morte di tanti ergastolani. Su una di queste tombe egli scrisse pagine bellissime, dense, vischiose di vita; sulla tomba di un uomo libero, malgrado tutto, Gaetano Bresci, lasciò il suo testamento.
Il 23 Giugno 2012 siamo approdati a S. Stefano sulle tracce della mappa delle tombe degli ergastolani lì sepolti, ricomposta con minuzia da Veronelli; siamo approdati a S. Stefano per portare un nome e un fiore su quelle tombe, per immaginare e chiedere un orizzonte liberato dalle carceri e dall’ergastolo. Come a Gino sarebbe piaciuto. 
Stassentire.
Queste le intenzioni e la storia nostre. Continuiamo a costruire ogni anno La Terra Trema sulle nostre forze, per questo ci lavoriamo in autogestione, senza sponsor, senza patrocini e sovvenzioni.
La Terra Trema
Folletto 25603 (Abbiategrasso, Mi)
Leoncavallo s.p.a. (Milano)
I ragazzi – per me lo sono – del Leoncavallo ospitano (e qui la parola ha un valore totale dacché non è mossa dal minimo interesse privato) i vignaioli, ripeto, migliori e più conosciuti, e quelli, anche migliori, ma non ancora conosciuti.
Ciascuno di loro – e in primis va da sé, i miei lettori ed amici – sono invitati a partecipare. Sarà una fiera del tutto nuova; vi si assaggeranno i vini di ogni parte d’Italia. Festeggeremo la vita”.
(Gino Veronelli, in occasione della prima edizione di tl/cw al Leoncavallo, dicembre 2003

Nessun commento:

Posta un commento